Daniele Manacorda
IL MESTIERE DELL’ARCHEOLOGO
+
I LIBRI DEGLI ALTRI. Letture sparse di archeologia, storia e patrimonio culturale

 65,00

Autori: Daniele Manacorda
F.to: 17.00 × 24.00 cm.

Descrizione

Fino al 31/07/2021 la Casa Editrice propone in offerta speciale

I LIBRI DEGLI ALTRI + IL MESTIERE DELL’ARCHEOLOGO

a 65 € con spese di spedizione gratuite per l’Italia


IL MESTIERE DELL’ARCHEOLOGO, di Daniele Manacorda, a cura di: Adelina Ramundo, Giulia de Palma, Giulia Facchin, Mirco Modolo, Nicoletta Balistreri, Valeria Di Cola

Che cosa significa oggi essere archeologo? Quali sono i principali campi di applicazione dell’archeologia del XXI secolo? Daniele Manacorda risponde a questi interrogativi in un volume che raccoglie per la prima volta più di trent’anni di rubriche pubblicate nella rivista Archeo. Un libro per curiosi e appassionati, che si presta a diventare una vera e propria palestra di metodo per chi si accosta all’archeologia per lavoro o per esigenze di studio. Le rubriche offrono al lettore pensieri sparsi, in forma quasi di taccuino, dove è possibile rileggere i capitoli più significativi del percorso di ricerca e docenza di Daniele Manacorda. Le sue osservazioni non appaiono mai dogmatiche, sono semmai spunti per nuovi interrogativi, che ci spingono a reinterpretare criticamente la complessità del reale. Ne viene fuori un ritratto originale dell’archeologia che, prima ancora di una disciplina, è una lente attraverso la quale scrutare la realtà che ci circonda, ma anche uno strumento per ritrovare il passato nel nostro presente e il presente nel nostro passato.


I LIBRI DEGLI ALTRI. Letture sparse di archeologia, storia e patrimonio culturale, di Daniele Manacorda

Un nuovo libro che consente di entrare in contatto con i molteplici filoni di ricerca sviluppatisi negli ultimi decenni attraverso la riflessione di un grande maestro della metodologia della ricerca archeologica, Daniele Manacorda. 130 contributi, dal 1973 al 2020, editi e inediti, che passano in rassegna “I libri degli altri”. Le osservazioni dell’Autore, nate in occasione di recensioni o presentazioni di studi altrui, stimolano da sempre il dibattito e il confronto su storia, archeologia e politica dei beni culturali e, nell’occasione di questa pubblicazione, testimoniano il “variare e il maturare, ora lento ora impetuoso, della nostra disciplina, così come interpretata da tanti diversi ricercatori, nei suoi temi, nei suoi metodi e nelle sue stesse finalità“.