LUCE E OLIO TRA ANTICO E MODERNO (formato PDF)

per il formato cartaceo cliccare qui

 42,00

Autori: Custode Silvio Fioriello
Edizione: 2021
F.to: 21.00 × 30.00 cm.
Pagine: 254
imm. b/n e col.

Descrizione

pdf3La pagina che si sta visualizzando si riferisce al volume in formato PDF.
Una volta acquistato, il file PDF verrà inviato alla casella di posta elettronica specificata nel giro di 24 ore.

È possibile acquistare anche un singolo contributo in formato PDF, al prezzo di € 9,90. Per richiederlo è sufficiente inviare un messaggio di posta elettronica a [email protected]

🇦🇺
This
 page refers to the volume in PDF format.
Once purchased, the PDF file will be sent within 24 hours to the email address specified.

You can also buy a single contribution in PDF format, priced at € 9,90.
For any request, just send an e-mail to [email protected]


La luce permea di sé ogni ambito della realtà fenomenica e costituisce forse lo strumento più formidabile disponibile in natura ed esperito dall’umanità per cercare di leggere gli aspetti cangianti e abitare la complessità del divenire esperienziale. Meno generosa tuttavia è la proposta conoscitiva di questi argomenti in prospettiva storico-archeologica, capace di inverare i mutamenti che luce e illuminazione hanno comportato nelle vicende antropiche e nella cultura materiale.

Lungo questo crinale tematico si è mosso il percorso di ricerca indicato dal ‘PRIN 2015-Luce crea Luce (prot. MIUR nr. 2015PX7BEY_002)’, prediligendo un taglio interdisciplinare e trasversale, definito in complementarietà e disgiunzione tra antico e moderno. Così questo volume raccoglie l’esito del dialogo promosso tra saperi specialistici in riferimento al patto ecfrastico tra esigenza, soluzione, prodotto e fruitore della illuminazione (naturale e artificiale), che si attiva grazie alla condivisione e alla funzionalità di oggetti rivolti a una determinata attività, sistemati in ambienti e spazi definiti, suscettibili di distinti tipi di supporto materico e di combustibile, avvertiti secondo una cangiante percezione di forme e di soluzioni applicative.

Tale visione da un lato ha permeato l’approfondimento di alcuni momenti della storia elaicola della Puglia, connessa a sua volta all’olio d’oliva quale combustibile d’elezione mediterranea nella tradizione plurimillenaria dei dispositivi per l’illuminazione artificiale; dall’altro lato ha permesso l’elaborazione di ‘[email protected]’, mostra didattica sulla civiltà dell’olivo e dell’olio nell’area pugliese tra l’evo antico e i primi lustri dell’Ottocento, periodo in cui la regione da atavico ‘scolatoio di olio lampante tra montagna e mare’ divenne uno tra i maggiori poli mondiali per la produzione e il commercio di olio d’oliva di finissima qualità.