LE DUE VITE DEL COLOSSO
(formato PDF)

Storia, arte, conservazione e restauro del bronzo di Barletta

per la versione cartacea, cliccare qui

 35,00

A cura di: Giambattista De Tommasi, Luisa Derosa
Edizione: 2019
F.to: 21 × 30 cm.
Pagine: 182
Imm. B/N - Imm. colori

Descrizione

pdf3La pagina che si sta visualizzando si riferisce al volume in formato PDF.
Una volta acquistato, il file PDF verrà inviato alla casella di posta elettronica specificata nel giro di 24 ore.
Il volume può essere richiesto anche inviando un messaggio di posta elettronica a [email protected]

en
This
 page refers to the volume in PDF format.
Once purchased, the PDF file will be sent within 24 hours to the email address specified.
For any request, just send an e-mail to [email protected]

Tra percorsi figurativi, ricostruzioni storiche e vicende conservative, il volume propone una serie di saggi sulla statua colossale identificata secondo antiche tradizioni con l’imperatore Eraclio (610-641). Dalle origini alla sua presenza nella città di Barletta e alla sua secolare collocazione nel contesto urbano, gli Autori ripercorrono le tappe di una lunga vicenda che arriva, attraverso l’analisi dei recenti restauri, fino ai nostri giorni. Nel volume si presentano, con nuove ipotesi interpretative, i risultati di una serie di ricerche incentrate sui problemi di datazione e identificazione della statua tardoantica e sulla scelta, nel corso del Medioevo, da parte di una comunità religiosa e laica, di riutilizzare l’opera attribuendole funzioni cultuali e propagandistiche e trasformandola, di fatto, in una sorta di palladio della città. Due vite, appunto, in cui è impossibile scindere la dimensione mitica e leggendaria della statua da quella più propriamente storica e storico-artistica, che impongono una serie di domande relative alla provenienza e alla successiva collocazione urbana strettamente connessa all’identità del personaggio. Un’identità che è innanzitutto segno di una grandezza fisica, colossale, che solo l’arte della scultura restituisce alla sua dimensione simbolica, determinando nel corso dei secoli differenti percezioni e differenti usi ideologici di un manufatto antico.

INDICE GENERALE

 

Indirizzo di saluto – Cosimo Damiano Cannito (Sindaco di Barletta)

Il Colosso. Storia e presenza – Mariastella Margozzi (Direttore Polo Museale della Puglia) 

Premessa – Luisa Derosa e Giambattista De Tommasi

L’IMMAGINE E LA STORIA

Bente Kiilerich, The Barletta Colossus and the problem of its identity

Victor Rivera Magos, Il Colosso e la città angioina alle origini del legame tra la statua di Eraclio e la

platea Sancti Sepulcri

Sylvie Pollastri, Le Colosse de Barletta. L’image et sa construction civique des Angevins aux Aragonais

Luisa Derosa, La ‘seconda vita’ del Colosso: un percorso a ritroso (XIX-V secolo d.C.)

Angelo Ambrosi, Una statua colossale nella città

Appendice documentaria. “Una questione di carattere artistico. La demolizione del Sedile e l’isolamento

della statua colossale (1911-1923)

Beppe Gernone, Percorsi visuali

IL RESTAURO

Doriana De Tommasi e Giambattista De Tommasi, I restauri del Colosso

Giambattista De Tommasi e Fabio Mastrofilippo, Scheda tecnica dei lavori di manutenzione e restauro eseguiti

nel periodo 2014-2016

Emanuela Sibilia e Francesco Maspero, Le analisi di termoluminescenza delle terre di fusione del Colosso

Maurizio Marabelli, Una campagna di indagini non distruttive finalizzata allo studio e alla conservazione

del Colosso di Barletta

Bibliografia

Indice dei nomi e dei luoghi

Indice degli autori