LA CONFRATERNITA DEL CARMINE DI GIOVINAZZO
Spiritualità e debolezze umane in una istituzione di epoca post-tridentina

per il formato PDF cliccare qui

 40,00

ISBN: 978-88-7228-971-6
Collana: IL GRIFO - 11
Autori: Diego de Ceglia
Edizione: 2021
F.to: 17.00 × 24.00 cm.
Pagine: 102
imm. b/n e col.

Descrizione

Il volume ricostruisce la storia della Confraternita del Carmine di Giovinazzo utilizzando fonti bibliografiche e archivistiche nonché valorizzando l’analisi del suo atto istitutivo, il cui originale pergamenaceo, vergato nel 1598, è stato casualmente rinvenuto presso l’Archivio di Stato di Bari nel 2017. Particolare attenzione è riservata alle vicende connesse al trasferimento della Confraternita in diverse sedi, alle regole imposte al momento della formale istituzione canonica e a quelle dei secoli XVIII e XIX approvate dall’autorità civile. Particolari i riferimenti alla soppressione del corpo sociale nel 1615 e alla sua ricostituzione trenta anni dopo. Il saggio restituisce l’immagine di un sodalizio che ha lasciato un segno nella religiosità cittadina e nei confratelli che, pur guidati dalla devozione alla Vergine Santissima, sono stati spesso condizionati dalle umane debolezze.