IL PAESAGGIO STORICO RICOSTRUITO
(formato PDF)

L’insediamento di Piana San Felice a Gravina in Puglia

per la versione cartacea cliccare qui

 49,00

ISBN: 978-88-7228-774-3-1
A cura di: Lara Cossalter, Maria Rosaria Depalo
Edizione: 2017
F.to: 21.00 × 30.00 cm.
Pagine: 220
Immagini b/n e colori

Descrizione

pdf3La pagina che si sta visualizzando si riferisce al volume in formato PDF.
Una volta acquistato, il file PDF verrà inviato alla casella di posta elettronica specificata nel giro di 24 ore.
Il volume può essere richiesto anche inviando un messaggio di posta elettronica a [email protected]

en
This
 page refers to the volume in PDF format.
Once purchased, the PDF file will be sent within 24 hours to the email address specified.
For any request, just send an e-mail to [email protected]

Le attività di sorveglianza e scavo archeologico svolte nell’ambito dei lavori per la realizzazione del Parco eolico “Gravina-Poggiorsini” hanno offerto una preziosa occasione per arricchire il panorama delle testimonianze storico-archeologiche relative alla piana di San Felice, ampio terrazzo inserito all’interno di un vasto comprensorio collinare coltivato a grano, degradante verso la valle del Basentello. Al quadro già delineato dalle ricognizioni territoriali dirette dal prof. A. Small, si sono aggiunti dati rilevanti che consentono di evidenziare una continuità di frequentazione della piana dall’Età del ferro al IV sec. a.C., insieme alla rarefazione delle testimonianze a partire dal III sec. a.C., conformemente a quanto documentato per Botromagno come conseguenza del sacco di Silvium nel 306 a.C. Emerge il V sec. a.C. come momento di floruit dell’insediamento, documentato da un edificio, ragguardevole per dimensioni e articolazione planimetrica e funzionale. Il complesso presenta due macrofasi, inquadrate rispettivamente nella seconda metà del V sec. a.C. e nella seconda metà del IV sec. a.C., intervallate da un periodo di abbandono determinato da un evento improvviso. La documentazione archeologica documenta una ripresa del popolamento del pianoro – sia pure limitato al settore occidentale – a partire dall’età tardoantica e soprattutto in età medievale tra XII e XV secolo. Le evidenze sono costituite, in particolare, da circa sessanta buche utilizzate come fosse di scarico, che hanno restituito una notevole quantità di ceramiche da mensa, da cucina e da dispensa, tra cui non mancano pregevoli prodotti di importazione, che rinviano ad un’ampia rete di rapporti e scambi commerciali in cui era inserito l’insediamento, presumibilmente appartenente al patrimonio fondiario dell’abbazia di Santa Maria di Banzi.

INDICE

PRESENTAZIONE
di Luigi La Rocca 

Federico Boenzi
I lineamenti geologici e geomorfologici 

Carola Small – Alastair M. Small
Surface collection on San Felice 2006-2008 

Myles McCallum – Hans vanderLeest
Roman villa at San Felice: Canadian excavations 2005-2013 

Maria Rosaria Depalo
Piana San Felice: un sito archeologico pluristratificato nel territorio di Gravina in Puglia 

Lara Cossalter
L’insediamento dell’età del Ferro. La capanna del saggio A 

Lara Cossalter
L’insediamento peucezio. Il complesso abitativo del saggio A 

Giuseppe Nanna
La necropoli peucezia di Piana San Felice 

Lara Cossalter
Le tombe 3, 4, 5 e 6 del saggio A tra età arcaica ed età romana 

Tracy Prowse
Lo studio antropologico dei resti scheletrici 

Anna Santovito
I dati sull’insediamento peucezio dal saggio B 

Giuseppe Nanna – Annalisa Melillo – Anna Santovito
L’insediamento medievale di San Felice 

Mina Cacciapaglia – Giuseppe Nanna
Il toponimo e le fonti archivistiche 

Angela Stellati
Lo sfruttamento delle risorse vegetali in località Piana San Felice tra età del Ferro e Basso medioevo 

Giovanni De Venuto
I resti faunistici: le produzioni animali, l’alimentazione umana e l’ambiente 

Annalisa Melillo
Recupa di Scardinale. Un insediamento di età repubblicana 

ABSTRACTS

GLI AUTORI