FIBULA
Confidenze di un oggetto parlante
(formato PDF)

Per la versione cartacea cliccare qui

 11,20

Autori: Sergio Fontana
Edizione: 2020
F.to: 12.00 × 17.00 cm.
Pagine: 342
Imm. B/N

Descrizione

pdf3La pagina che si sta visualizzando si riferisce al volume in formato PDF.
Una volta acquistato, il file PDF verrà inviato alla casella di posta elettronica specificata nel giro di 24 ore. Per richiederlo è sufficiente inviare un messaggio di posta elettronica a [email protected]

en
This
 page refers to the volume in PDF format.
Once purchased, the PDF file will be sent within 24 hours to the email address specified.
For any request, just send an e-mail to [email protected]

La fibula prenestina? È una spilla in oro, famosa perché reca incisa la più antica iscrizione latina conosciuta. Oppure è un falso ottocentesco? In un romanzo storico ben documentato – che spesso si tinge giallo – Sergio Fontana ricostruisce le incredibili vicende di un oggetto straordinario. Fibula è soprattutto la storia delle vite di donne e di uomini che le si sono intrecciate attorno; è lei stessa a descrivere questi personaggi, a intrufolarsi nelle loro esistenze, a narrarne gli intrighi, le manie, i desideri, le aspirazioni, le miserie. Infatti Fibula è un oggetto parlante, capace di raccontare. Non è soltanto finzione ma anche un dato di fatto: nell’iscrizione è proprio lei in prima persona a rivelarci, in un latino molto arcaico, che Manio la fece per Numasio. Nel gennaio del 1887 un archeologo tedesco, Wolfgang Helbig, la presentò alla comunità scientifica: il proprietario della fibula era l’oscuro antiquario romano Francesco Martinetti suo caro amico. Francesco e Wolfgang possono apparire come personaggi poco raccomandabili o almeno così sono stati considerati da Margherita Guarducci (1902-1999), la più ostinata sostenitrice della falsità della fibula. Attraverso avvincenti salti di tempo e di luogo Fibula ci narra la sua vicenda sullo sfondo di una Roma cosmopolita popolata da intellettuali, collezionisti, archeologi, antiquari, orafi e falsari; racconta di una contessa fatale e di una principessa russa, di direttori di musei ansiosi di esporla nella propria collezione e di spietate contese intellettuali, di una regina piemontese, di contadini, di operai e di un re ammazzato da un anarchico.

INDICE

I. Giovedì 20 dicembre 2018. Roma, Museo delle Civiltà (già Museo Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini”

II. Io

III. Anno? Roma, Praeneste o da qualche altra parte

IV. Venerdì 7 gennaio 1887. Roma, Imperiale Instituto Archeologico Germanico, già Instituto di Corrispondenza Archeologica

V. Trentaquattro anni prima: domenica 9 ottobre 1853, ore 7 e 45. Roma

VI. Giugno 1862. Berlino

VII. Sabato 11 ottobre 1862. Roma

VIII. 1902-1921. Firenze e Bologna

IX. 1863. Napoli

X. 1864-1865. Napoli e Roma

XI. Ventiquattro anni dopo: sabato 15 giugno 1889. Roma, Museo di Villa Giulia

XII. Marzo 1867. Roma e Palestrina

XIII. 1921-1926. Bologna e Roma

XIV. Martedì 20 settembre 1870. Roma

XV. Febbraio-marzo 1876. Palestrina

XVI. 1926-1931. Roma, Atene e Creta

XVII. Mercoledì 16 aprile 1879. Imperiale Instituto Archeologico Germanico e Palazzo Caffarelli, Roma

XVIII. Mercoledì 22 febbraio 1933. Roma

XIX. Martedì 21 – giovedì 23 dicembre 1886. Roma

X. Venerdì 31 dicembre 1886 – sabato 1 gennaio 1887. Roma,Imperiale Instituto Archeologico Germanico

XXI. Settantasette anni dopo: lunedì 25 novembre 1963. Roma, Città del Vaticano, appartamenti papali

XXII. 1963-1981. Roma, Città del Vaticano e via della Scrofa

XXIII. Marzo 1962. Roma, via del Collegio Romano, Museo Preistorico Etnografico Luigi Pigorini

XXIV. Gennaio 1887. Roma

XXV. Fine gennaio, inizi febbraio 1887. Roma

XXVI. Domenica 6 febbraio 1887, ore 15,30. Roma, piazza Trinità dei Monti – via Gregoriana

XXVII. Mercoledì 30 marzo 1887. Roma, Imperiale Instituto Archeologico Germanico, già Instituto di Corrispondenza Archeologica

XXVIII. Mercoledì 13 – giovedì 14 aprile 1887. Roma

XXIX. Giovedì 14 – venerdì 15 aprile 1887. Roma

XXX. Lunedì 15 maggio 1978. Roma, via della Scrofa 117

XXXI. Martedì 19 aprile 1887. Roma

XXXII. Martedì 26 luglio 1887. Roma

XXXIII. Martedì 18 luglio 1978. Roma, via della Scrofa 117 e Museo Preistorico Etnografico L. Pigorini

XXXIV. Martedì 19 marzo 1889. Roma, Palazzo Santacroce e Rignano Flaminio

XXXV. Martedì 11 giugno 1889. Roma, Palazzo Santacroce

XXXVI. Giovedì 25 settembre 1889. Roma

XXXVII. Domenica 18 marzo 1979, ore 13 e 15. Roma, via della Scrofa 117

XXXVIII. Lunedì 18 marzo 1895 ore 13 e 15. Roma, Villa Lante

XXXIX. Domenica 18 marzo 1979, ore 14. Roma, via della Scrofa 117

XL. Giovedì 31 ottobre 1895, ore 12. Roma, via Alessandrina 101 267

XLI. Martedì 17 maggio 1898, ore 13. Roma, via del Corso angolo via delle Convertite, Caffè Aragno

XLII. Martedì 29 novembre 1898. Roma, via del Babuino 52  278

XLIII. Mercoledì 15 febbraio 1899, ore 8. Roma, piazza della Minerva, Ministero della Istruzione Pubblica

XLIV. Venerdì 17 febbraio 1899, ore 11. Roma, Palazzo del Quirinale

XLV. Mercoledì 12 ottobre 1983. Roma, via della Scrofa

XLVI. Mercoledì 23 maggio 1900. Oceano Atlantico, in prossimità delle isole Azzorre

XLVII. Lunedì 30 luglio 1900. Roma e Firenze

XLVIII. Martedì 31 luglio 1900

XLIX. Sabato 22 settembre 1900, ore 16 e 30. Roma, Villa Lante

L. Venerdì 21 dicembre 1900 – giovedì 24 gennaio 1901. Roma

LI. Epilogo: non troppo tempo fa. Ovunque e in nessun luogo

LII. Loro

Nota dell’autore