DALLA SPAGNA
(formato PDF)

Gli epigrammi 1-33 del XII libro di Marziale

per la versione cartacea cliccare qui

 14,00

ISBN: 978-88-7228-644-9-1
Autori: Clotilde Craca
Edizione: 2011
F.to: 14.00 × 21.00 cm.
Pagine: 264
Tomi: 1

Descrizione

pdf3La pagina che si sta visualizzando si riferisce al volume in formato PDF.
Una volta acquistato, il file PDF verrà inviato alla casella di posta elettronica specificata nel giro di 24 ore.
Il volume può essere richiesto anche inviando un messaggio di posta elettronica a [email protected]

en
This
 page refers to the volume in PDF format.
Once purchased, the PDF file will be sent within 24 hours to the email address specified.
For any request, just send an e-mail to [email protected]

Marziale compose il suo ultimo libro di Epigrammi a Bilbilis nel 101 d.C. in occasione dell’arrivo di un illustre mecenate, l’influente Terenzio Prisco. Il poeta era tornato in Iberia in seguito alla morte di Domiziano e all’avvento di una dinastia a lui non propizia; egli, rimasto a Roma per più di trent’anni, aveva conosciuto una vasto successo di pubblico: le sue raccolte erano lette da molti e diffuse anche nelle province più lontane. L’epigramma aveva raggiunto con lui la sua massima duttilità: esso raccontava non solo il mondo interiore del suo autore, ma la vita stessa della città cosmopolita di cui si descriveva ogni particolare, dalla Suburra al palazzo imperiale. Nei carmi presi in esame (epigg.1-33) si cerca di mettere a fuoco la tecnica compositiva, il rapporto col pubblico anonimo, la sapiente tessitura linguistica, la raffinata variazione di motivi e personaggi stereotipati, l’adattamento a varie lunghezze e a metri diversi.
Il XII libro è una raccolta molto particolare: tentativo non coronato da successo di rientrare nel panorama culturale romano, esso parla del ritorno nella terra d’origine come di una triste necessità, invoca l’aiuto degli antichi amici e di nuovi protettori, interroga timidamente i nuovi imperatori, offre un quadro assai avvilente della vita provinciale. Il sentimento più rimarcato è quello della nostalgia di Roma, fonte insostituibile della poesia epigrammatica, che vuole presentarsi come arte realistica e specchio della vita. Anche il lettore anonimo è chiamato a dare una mano: a lui Marziale offre gli epigrammi scherzosi a cui è abituato, e l’arte con cui ha reso questo genere letterario poliedrico e degno di un pubblico di intenditori raffinati.

INDICE

Premessa
I. L’epistola prefatoria
II. Un patrono cacciatore. Terenzio Prisco in 12,1 e 14
III. Mecenati e imperatori
IV. Epigrammi brevissimi e lodi imperiali
V. Epigrammi brevissimi e patroni romani
VI. Imperatori e parassiti
VII. Bilbilis e Roma: modelli di vita a confronto
VIII. Patroni
IX. Stravaganze epigrammatiche
X. Estremi a confronto

Bibliografia
Indice dei nomi
Indice delle parole e delle cose notevoli
Indice dei passi citati

 

Recensioni (posizionarsi col mouse sull’angolo in alto a destra del riquadro qui sotto per aumentare lo zoom o aprire il pdf in un’altra finestra)

[gview file=”http://edipuglia.it/wp-content/uploads/2015/07/Craca-Athenaeum.pdf” save=”0″]