L’ANATOLIA MERIDIONALE IN STRABONE
Libro XIV della Geografia

Introduzione, traduzione e commento

Per la versione PDF cliccare qui

 30,00

ISBN: 978-88-7228-569-5
Collana: QUADERNI DI INVIGILATA LUCERNIS - 37
Autori: Nicola Biffi
Edizione: 2009
F.to: 17.00 × 24.00 cm.
Pagine: 376
Tomi: 1
Imm. B/N

Descrizione

L’impegno assunto da Strabone all’inizio del quattordicesimo libro della Geografia è quello di completare la descrizione della penisola che, in 12,1,3 C 534, è stata da lui inizialmente inserita «al di qua del Tauro» e che per lui ha come cerniera l’istmo risalente dal golfo di Isso fino al Ponto Eussino (nel segmento costiero posto fra Sinope e la Tibarene). All’atto pratico, però, il Geografo segue essenzialmente un periplo, di cui deve ancora completare i tratti della Ionia (questo pertinentemente annunciato già in 12,1,3) e della Caria e poi presentare quelli successivi, occupati da popolazioni licie, panfilie e cilicie sino al confine della Siria; lungo questo itinerario, quindi, innesta estemporaneamente integrazioni pi ù o meno articolate sui rispettivi entroterra (cfr. anche 5,1; 6,22).
Con l’uscita, ormai imminente, del commento di Stefan Radt e dei suoi collaboratori ai libri XIV-XVII della Geografia (vol. 8 dell’intero progetto editoriale), i lettori di Strabone avranno nella sua forma definitiva il sussidio che avevano da gran tempo auspicato, che giova in via prioritaria all’analisi filologica e linguistica del testo.

INDICE

Premessa
Introduzione
Conspectus siglorum
Testo e traduzione
Commento
Abbreviazioni
Bibliografia
Indice dei nomi