LA RAPPRESENTAZIONE FIGURATA IN DAUNIA

 20,00

ISBN: 978-88-7228-545-9
Collana: GUIDE - 18
Autori: Ettore Maria De Juliis
Edizione: 2009
F.to: 17.00 × 24.00 cm.
Pagine: 136
Tomi: 1
Imm. B/N - Imm. colori

Descrizione

Le rappresentazioni più antiche e più durature della figura antropomorfa o zoomorfa, in Daunia, sono quelle che si esprimono con semplici segni geometrici o filiformi: esse compaiono già dalla prima età del Ferro. A queste rappresentazioni si aggiungono, abbastanza presto, quelle plastiche, tridimensionali: sculture in pietra, figurine fittili, bronzetti fusi. Scene figurate più complesse appaiono dal VI secolo a.C., allorché ai modi di espressione già considerati (geometrico, filiforme, plastico) si aggiunge l’impiego di silhouettes con semplice linea perimetrale, oppure interamente campite (stele daunie, vasi).
Scene figurate di tipo ‘primitivo’, tradizionale, persistono in Daunia, anche nel V e IV secolo, accanto allo stile geometrico. Tali persistenze, che sono anche iconografiche e di costume, si registrano fino alla prima fase della romanizzazione, quando scompare rapidamente la tradizione daunia a vantaggio di quella italico-romana.

INDICE

Introduzione

La piccola plastica
1. I bronzetti
2. Le figure fittili

La scultura in pietra
1. Gli antecedenti eneolitici
2. I cippi-scudo
3. Le teste protostoriche
4. Le stele protostoriche
5. Le stele arcaiche
5.1. Stele maschili e stele femminili
5.2. Le teste
5.3. La decorazione primaria
5.4. La decorazione secondaria

La pittura
1. Figure e scene dipinte su vasi

Bibliografia generale e abbreviazioni

Elenco e fonti delle illustrazioni